4444

Ci chiediamo da autentici sciocchi perché è fallita la società Spa a capitale pubblico, SOGAS. Che domanda senza risposta poiché avvelenata da comparaggi e scambi da corrieri di corte. Alla Guardia di Finanza, delegata alle indagini, saranno sfuggiti tali scambi di costose cortesie. E’ l’anno della corruzione. Anzi. Uno degli anni da quando l’intreccio sporco tra amministratori è iniziato fin dalla sua nascita (SO… GAS) distocica. E’ il 2012. Uno dei tanti. Nell’aerostazione, della malavita organizzata, si festeggia il connubio di due grandi uomini: Carlo treMARFISI ENAC e Carlo Alberto PORCINO presidente del Consiglio che hanno amministrato falsificando bilanci con l’appoggio di tale Pensabene inamovibile capoccia del collegio dei non revisori. In un’occasione profumata di rose incolori, i due compari festeggiano coinvolgendo ignari partecipanti, la concessione trentennale elargita dai padroni di Carlo Marfisi con sede nella capitale. Dietro il tavolo a tre piedi, oltre ai due compari, sono seduti sulle poltroncine senza fondo altri, diciamo in senso dispregiativo, personaggi. Tra di loro non poteva mancare il saggio e dueinsostituibile presidente della provincia, socio di maggioranza, oggi proprietario di un terreno nella frazione Annà di Melito, quasi a ridosso della battigia. Non poteva e non doveva mancare il dottore avvocato vice presidente Calarco. Ai due intercambiabili presidenti sono indirizzati gli applausi, gli elogi di Raspino e da parte nostra i “vaffanculo”. Raspino, com’è nel suo costume di sottile e collaudato diplomatico, si è finanche auoto/elogiato. Dai festeggiamenti del nulla, Carlo ENAC chiede a Carlo CTU e ottiene a spese dei contribuenti un cellulare IPAD, che a oggi ne fa uso.

Carlo Marfisi.jpg

Carlo CTU si domanda: perché l’IPAD solo a mio compare Carlo ENAC? S’incazza e acquista con denaro pubblico un cellulare  SANSUG S6 ultima generazione, e un IPAD  che dopo il fallimento non ha il pudore, d’altra parte l’avversione per le cose oscene e disoneste non appartiene alla sua orbita posteriore, di restituirli. Sulla stessa linea di corruttela eccoti l’immancabile dottore avvocato Calarco al quale sono dati in concessione permanente un telefonino SANSUNG S5 e IPAD AIR2. Qualche sprovveduto invita il dottore avvocato a restiuire il maltolto. E il capogrinta cosa risponde con lettera, forse raccomandata?

Calarcazzo.jpg

Eccola: piuttosto, restituitemi € 500.000,00 giacché sono parte del mio bottino! rogolinode felix culoL’assunto senza riserve da Arturo DE FELICE, del non vedente ROGOLINO che sarebbe dovuto essere utilizzato all’apparato telefonico, ha richiesto tramite il suo assistente la restituzione della telefonia in possesso degli scarrafoni? Arturo, si svegli e assuma l’ergastolano.

Molto cordialmente. Con riserva. Abbiamo appena iniziato.

Francesco Gangemi

Annunci