gvg                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    LA BANDA SACAL                                                                                                                        

Egregio e stimatissimo poliziotto, ho letto la sua fulminante carriera conquistata sul percorso di un’autostrada a sette corsie. A prescindere dal fattaccio che spalancò i cancelli del carcere a due innocenti, le chiedo con la dovuta cortesia, quali speciali e particolarissime attività poliziesche l’hanno sistemata sul trono in oro zecchino cui molti suoi colleghi, che nonostante abbiano sacrificato la loro vita a difesa di quel pezzo di società che a stento sopravvive, non sono riusciti a raggiungere. La prego, amministratore delegato dei tre scali aeroportuali della smarrita Calabria governata da molti e scadenti oltre che ladri e mafiosi, eccezioni a parte, di voler comunicare attraverso i suoi canali preferiti all’opinione pubblica, gli atti di raro eroismo, a parte l’innata intuizione e intelligenza, che le hanno fatto raggiungere l’apice petrosiniano. E’ vero! E’ meglio diventare che nascere famoso. Non è da poco il suo primo ingresso all’aerostazione della città disperata specie per l‘ardire innato di urlare alla Polizia di Stato che l’avrebbe spedita in altro luogo commettendo il reato penalmente perseguibile d’oltraggio a pubblico ufficiale. E senza chiedere permesso infilarsi nel lagher dove da anni stentano a mordere qualche panino quei dipendenti condannati dal CTU Carlo Alberto Porcino e dal dottore avvocato Calarco. Inoltre, le chiedo da uomo libero e da giornalista senza padroni e padrini, quali criteri abbia utilizzato per spalmare la graduatoria d’assunzione che ha privilegiato uomini della ‘ndrangheta e qualche ladro, inserendo nelle ultimissime posizioni i dipendenti laureati e onesti. Sa che le dico superpoliziotto? E’ meglio abbandonare che mancare!

Ora, i sindacati che non se ne sono mai accorti dei ladri che danni rubano nell’ex SOGAS, sono partiti verso Roma per cercare di mettere assieme i cocci del vaso rotto senza prevenire lo scempio fatto dal superpoliziotto. Noi, de “Il Dibattito”, non andremo a Canossa. Spiego.  De Felice. Al castello di Canossa presso Reggio Emilia nella specie nella città del nulla, si recò nel 1077 l’imperatore Enrico IV per chiedere perdono al pontefice GREGORIO VII. Per questo perdono si dice “andare a Canossa” appunto per significare un atto di costrizione verso l’offesso per una colpa commessa. La frase fu citata dal principe Bismark al Parlamento tedesco il 14 maggio 1872, alludendo a un dissidio tra la Germania e il Vaticano. A Canossa, andranno Oliviero e suoi fedelissimi Sebi Romeo e altri disonorati consiglieri.

Cordialmente. Con riserva.

Francesco Gangemi

Annunci