BMOra ci si rende conto dell’impossibilità di competere con i curricula di coloro i quali sono stati assunti dalla SACAL, la società di gestione per gli aeroporti calabresi.

Si era, in qualche modo, coscienti mentre si compilavano i CV che qualcosa di importante mancasse nella stesura degli stessi. Non era facile capire cosa fosse, insomma qualcosa sfuggiva. Ma cosa?

Poveri “pirla” legati ancora a sentimentalismi materialmente trasfigurati e in disuso; legati ad una realtà divenuta oramai virtuale; sostenitori convinti della meritocrazia come antitesi perfetta di raccomandazioni e clientelismi all’italiana, ancorati, per lo più, a bigotti moralismi sociali per i quali, a queste latitudini mentali, si prospetta ancora lo stolto rispetto di regole sociali e civili nonché rispetto del prossimo ma anche fiducia nelle istituzioni e negli uomini che la rappresentano e, allo stesso modo, veemente osservanza delle leggi e sconfinato rispetto della Giustizia. Che ingenui allo sbaraglio!!!

Che spreco aver organizzato questa esistenza, fino ad oggi, verso un credo fumoso ed evanescente, verso un sistema che si credeva fosse riferimento salvifico per le cosiddette persone corrette, o pardòn, stupide come chi scrive.

Pertanto, dall’abbaglio del sole di mezzanotte, si comprende perfettamente quale fosse il sentiero da percorrere e quale codice di sblocco servisse per imporsi al di sopra di tutto e tutti. Figurarsi, infatti, se una onesta laurea o una specializzazione e/o la conoscenza di 1 o più lingue straniere potessero impressionare; figurarsi se ottime ed approfondite conoscenze informatiche potevano, in qualche modo, far pensare gli “uomini della trasparenza.”

Possibile che dopo una vita vissuta si è avuto il coraggio di credere ancora alle favole??

Chissà se esiste ancora il tempo per aggiornare i rispettivi CV? Se così fosse, si giura di non sbagliare e tantomeno di deludersi. Sarà chiaro far capire con chi si ha a che fare e a chi si appartiene e, se non bastasse, Parsifal trotterà alla conquista del Santo Graal! E come bravi e ubbidienti picciotti si rispetterà e ci si farà rispettare. Ecco, quello che indiscutibilmente verrà fatto.

Ma forse manca ancora qualcosa! Ma certo: i CV stavolta verranno firmati sì con le rispettabili firme di ognuno ma a seguire non mancherà di comparire: BACIAMO LE MANI..!!!! e allora sì che avrà avuto un senso vivere e passare sempre per primi!

Questo e quanto….e perché, appunto, l’abitudine prenda piede:

BACIAMO LE MANI!!

sdl

Annunci